Combattiamo la cyberviolenza, adesso!

Informazioni su TRACeD

I progressi della tecnologia hanno trasformato e amplificato le modalità con cui può essere perpetrata la violenza di genere. Esistono varie forme di cyberviolenza contro le donne e le ragazze, come lo stalking online, la diffusione non consensuale di immagini intime (il cosiddetto revenge porn o abuso sessuale basato sulle immagini), la colpevolizzazione e le molestie, lo slut-shaming (stigma della ragazza facile), le minacce di morte e la pubblicazione di informazioni private su Internet (doxing).
Nell’UE, i dati sulla cyberviolenza contro le donne e le ragazze sono scarsi e si sa molto poco sulla percentuale effettiva di sopravvissute a questo tipo di violenza e sulla prevalenza dei danni che provoca.
Il progetto TRACeD si concentra sulla lotta alla cyberviolenza di genere tra i bambini, le adolescenti e le giovani donne, attraverso l’offerta di una formazione interdisciplinare di alta qualità sulle tecniche per un uso sicuro di Internet, sui diritti umani e sull’educazione sessuale dei bambini, con particolare attenzione a bambini, genitori, insegnanti e studentesse (giovani donne).

Piattaforma TRACeD:

La piattaforma TRACeD funge da strumento educativo e da piattaforma di aiuto/consulenza

fornendo orientamento e assistenza ai genitori, agli insegnanti, ai professionisti e, soprattutto, a chi ha subito o potrebbe subire episodi di cyberviolenza.

I nostri guardiani del web:

I guardiani del web sono la prima linea di intervento. Il loro lavoro mira a fornire una consulenza, sia tecnica/tecnologica, sia psicologica. I guardiani agiscono da facilitatori individuando il problema, fornendo informazioni, offrendo consulenza nel processo decisionale e nelle azioni da intraprendere e delineano un piano di intervento a favore della vittima.

Sono chiamati a gestire e a rispondere alle aspettative delle vittime. Questi professionisti, tuttavia, non sono sempre in grado di trovare le soluzioni per tutte le esigenze. Non sono tenuti a fungere da psicoterapeuti, rappresentanti legali o a esercitare le funzioni di un’autorità pubblica.